Betatre

Articoli e news dal Web

Benessere e Salute

Il rapporto tra EMEA Toxicology e i ricercatori

Un test su cavie è generalmente denominato con il termine sperimentazione animale. Il fine fondamentale è di cercare i danni che provocano certe sostanze all’uomo. La biosimilar toxicology è il punto cardine necessario per fare questi test. Questa tecnica è particolarmente usata in ambito biomedico e cosmetico. Ci sono svariati tipi di test. Gli esperimenti più comuni si basano nell’introdurre su di un animale specifiche patologie e analizzare i risultati a farmaci e ad altre pratiche terapeutiche. I batteri sono spesso somministrati per verificare i risultati ottenuti. A livello internazionale sono state adottate delle linee guida da studiare come la FDA toxicology, che tiene sotto controllo i laboratori dove vengono fatti gli studi.

FDA Toxicology per migliorare le tecniche mediche

L’utilizzo di animali nell’ambito di test in laboratorio è da alcuni anni usanza dibattuta.
Il problema etico è molto forte anche se non è negabile il fatto che questi test hanno ricoperto un ruolo di fondamentale importanza nel progredire della ricerca scientifica. “Violenza non essenziale e utile”, ecco come vengono definite le pratiche per alcuni, visto pensano che l’avanzamento in campo scientifico non debba finalizzarsi su queste pratiche. Le innovative pratiche chirurgiche sono create sulla ricerca biomedica che ha da anni adoperato la sperimentazione sulle cavie. Testare nuovi farmaci e studiare meglio i meccanismi di attacco sul nostro corpo analizzando l’evolversi delle malattie sulle cavie animali è uno degli scopi di queste tecniche.

Rat Toxicology: vantaggi e svantaggi in campo medico

Tanti all’interno della comunità scientifica iniziano ad avere dei ripensamenti sulla effettiva utilità di qualsiasi test e sulla loro regolarità di uso degli animali, malgrado i numerevoli miglioramenti della medicina in campo medico. In molti casì però la sperimentazione animale è giudicata inevitabile secondo alcuni scienziati autorevoli in campo internazionale, ma rispettando sempre i paletti imposti dalla EMEA Toxicology mettendo sempre al primo posto il rispetto per gli animali. Dentro alla Comunità Scientifica chi sostiene l’utilizzo della ricerca sugli animali, come la Rat Toxicology, afferma che senza quest’ultima oggi non si sarebbe in grado di affrontare molte malattie e non esisterebbero tanti delle cure attualmente nel mercato. La sperimentazione in campo medico ha sviluppato innumerevoli vantaggi dall’utilizzo di cavie in laboratorio, come affermano tutti i premi nobel per la medicina.
La Rat Toxicology grazie alla tecnologia del gene targeting concede di “ottenere” ratti con mutazioni inserite nei loro geni ed è utilizzata dai ricercatori in ogni parte del mondo. E’ possibile scegliere, mutare e stravolgere ogni gene specifico in base alle esigenze del ricercatore. Questa sperimentazione sta assumendo valore anche sugli esperimenti sul cancro, su molte malattie e nell’ambito della medicina clinica.

Il disagio sociale di non sapere come si bacia una persona

La società contemporanea ci porta ad avere relazioni sociali più accessibili, ma indubbiamente di qualità inferiore.

L’aumento delle relazioni, l’accorciamento delle distanze e la possibilità di stringere legami anche con persone sconosciute o lontane, portata dalla tecnologia, ci induce a considerare meno importanti i legami.

La facilità con cui oggi possiamo conoscere una persona e costruire qualcosa con essa, rende il legame meno impegnativo, di più basso valore e più facilmente sostituibile. E’ facile oggi incontrare persone, fare qualcosa con loro, e la speranza di poter costruire un legame affettivo con una persona è oggi più una certezza.

C’è modo per tutti, anche per i più timidi, di comunicare, ad esempio dietro a una chat. Quindi, se sfruttata bene, la società di oggi è un luogo dove ognuno può trovare posto, senza discriminazioni.

Ma cos’è allora che crea un problema nei legami della società attuale e quali sono le soluzioni per non cadere nella trappola dell’innovazione?

Come si bacia: non è più una domanda per soli adolescenti

Se fino ad alcuni anni fa, la domanda “come si bacia” era riservata agli adolescenti oggi, a causa della società, si hanno due estremi. Persona che arrivano in età adulta con un numero di esperienza inimmaginabile per chi oggi ha più di 40 anni, e persone che invece arrivano in età adulta senza esperienza e senza sapere come baciare una persona.

Questa diversità tra le persone è figlia della società contemporanea che ci mette sempre più in competizione gli uni con gli altri, offrendoci d’altro canto tante possibilità in più che prima non avevamo. La facilità con cui stringere rapporti è un bene per chi li sa stringere o per chi, per natura e carattere, è portato a farlo e gli riesce facile. Chi invece ha bisogno di aiuto per farlo rischia di rimanere indietro molto più facilmente di quanto avrebbe rischiato alcuni anni fa.

Esistono perciò persone che arrivano in età adulta senza aver baciato nessuno e quindi si trovano a disagio per questa mancanza che a prima vista appare loro incolmabile.

E’ difficile infatti parlare con altre persone di un disagio. Lo è ancora di più se questo disagio scaturisce dal fatto che non sappiamo come si bacia, perché non l’abbiamo mai fatto fino ad ora. E non aver mai baciato una persona in età adulta può essere motivo di sofferenza e di disagio.

Se l’adulto non può chiedere informazioni su come si bacia agli amici o in famiglia, può farlo benissimo su internet. Google da una risposta alla maggior parte dei quesiti, e anche per questo la risposta c’è. E’ facile dunque andare su Google, digitare “come si bacia” e trovare ad esempio siti come questo (link). Ma non è per nulla facile imparare come si bacia in un testo scritto dentro a un sito.

Baciare è un’arte ma anche se ci accontentiamo di scoprire le basi, per imparare a baciare, leggere un testo è poco. Vedere delle immagini può aiutare ma ne immagini ne video possono sostituire l’esperienza. L’esperienza di baciare infatti è composta da emozioni e sensazioni che ci fanno da guida e che non possono essere replicate con le parole scritte o con del contenuto multimediale.

Pertanto se non sappiamo come baciare e siamo arrivati in età adulta, l’unica strada è farsi forza, avere coraggio e buttarsi nella mischia per fare pratica.

Betatre - Articoli e news dal Web © 2014 Frontier Theme
Wordpress SEO Plugin by SEOPressor